28 settembre 2012

ROMA CURIOSA - IL TEVERE IN FIAMME


Niente paura: nessuna magia nera contro il Tevere.
Le sere del 21 e 22 settembre, dalle 19 alle 24, a Roma, per la prima volta in Europa, si è svolta, a chiusura delle manifestazioni inerenti l'Estate Romana 2012, la "Water Fire Rome": un allestimento di trenta falò galleggianti sulle acque del Tevere tra i ponti Sisto (quasi sicuramente il più bel ponte di Roma) e Mazzini, quello immediatamente a monte.
Il Water Fire è stato ideato dall'artista americano Barnaby Evans e, dalla prima rappresentazione, sulle sponde del Providence River di Providence (cittadina del Rhode Island, Stati Uniti), nel 1994, circa 15 milioni di persone hanno seguito i vari spettacoli di acqua e fuoco che, da quel giorno, sono stati allestiti in tutto il mondo (a Providence è oramai uno spettacolo fisso, in quanto allestito stagionalmente per ben sette mesi consecutivi, tanto da meritarsi il premio "Art Place America 2012").

Sulla sponda destra, a metà tra i due ponti, è stata allestita una pedana sulla quale si sono esibiti ballerini del teatro ambientale "Moveable Space", guidati dalla coreografa Linda Foster, da Robert Hammond su musiche di Marco Guazzone e degli Stag.
Le musiche di carattere etnico, ritmate e basate su strumenti particolari quali il balafon (uno xilofono pentatonico africano di materiale vegetale, in quanto costituito da legno e zucche cave) e l'angklung (uno strumento indonesiano costituito da tronchi di bambù), unite al fascino delle fiaccole, accese dai ballerini sulla pedana e quindi trasportate lungo il fiume su canoe di diversa grandezza per arrivare ad accendere i falò disposti lungo la sponda destra, creano un'atmosfera di sicuro fascino: difatti migliaia erano i cittadini romani ed i turisti accorsi sui due ponti e lungo i muraglioni e le sponde del Tevere per osservare lo spettacolo. 

Malgrado la pedana dei ballerini fosse ben visibile solo alla piccola parte degli spettatori sul sovrastante Lungotevere, ed al fatto che i falò fossero disposti soltanto lungo la sponda destra e non lungo entrambe (ambientazioni magari suscettibili di miglioramenti per prossime edizioni della manifestazione), devo dire che la serata è stata veramente piacevole e centinaia di persone, come me, hanno avuto la possibilità ed il piacere di poter tornare a passare qualche ora a tu per tu con il magico Tevere.
Il nostro giro di avvicinamento al Tevere inizia da Trastevere, dove si può ammirare il monumento dedicato al massimo poeta dialettale romano: Giuseppe Gioachino Belli. 
Il monumento, eretto tra il 1910 ed il 1913 grazie ad una sottoscrizione popolare (vennero raccolte oltre 30.000 lire) raffigura il poeta poggiato alla spalletta di Ponte Fabricio (o "Quatto capi", per via delle erme quadrifronti poste all'inizio del ponte che porta all'Isola Tiberina), mentre sul basamento del monumento sono rappresentati la personificazione, distesa, del Tevere e, sul retro, una scena di popolani romani raccolti davanti il celebre busto "parlante" di Pasquino. Due mascheroni, ai lati del monumento, raffigurano la "poesia" e la "satira".   


;IMG_2620

IMG_2621

IMG_2623

Il  monumento  del  Belli,  il  palazzetto  degli  Anguillara, con la torre medievale  (dove, dal sesto  anniversario  della morte  del poeta  (1921),  ha  sede  la "Casa  di  Dante  Alighieri", un'associazione  che promuove incontri  culturali e letterari  legati alla  figura  ed all'opera del sommo poeta, con l'accompagnamento di uno spicchio di luna, ci preparano all'evento che inizierà tra breve sulle sponde del fiume.

IMG_2626

Lo scenario, anche senza l'ausilio dei falò, si presenta meravigliosamente.

IMG_2628

IMG_2632

IMG_2634

IMG_2635

E lo spettacolo ha inizio...

IMG_2646

IMG_2639

IMG_2645

IMG_2654

IMG_2657

La distanza non aiuta a fare foto di livello, malgrado il 300mm. Certo che di notte e a tale distanza di meglio, senza neanche il cavalletto, non potevo fare. Ed anche con il cavalletto, per via dei lunghi tempi di esposizione, le foto sarebbero venute ugualmente un po' mosse. Ma mi accontento e so che lo farete anche voi...

IMG_2658

IMG_2666

IMG_2667

IMG_2668

C'è qualcosa di più romantico del Tevere al tramonto?

IMG_2671

IMG_2677

IMG_2680

IMG_2716

IMG_2720

IMG_2723

IMG_2731

IMG_2742

IMG_2751

IMG_2777

IMG_2810

IMG_2842

Qualcuno ha anche fatto uno spuntino...

IMG_2844

IMG_2857

IMG_2874

IMG_2881

La magia del fuoco, del fiume e delle serate estive romane cattura migliaia di persone.

IMG_2899

IMG_2903

IMG_2915

IMG_2919

IMG_2930

IMG_2956


3 commenti:

Uapa ha detto...

Prima di tutto è un piacere rivederti postare qualcosa, adoro la nostra città e sul tuo blog trovo sempre delle cose interessanti... Come per esempio questa sulla statua di Belli, non sapevo tutte queste cose e ti ringrazio per questo :-)
So bene che i muraglioni sono utili alla città, ma purtroppo Roma ha perso molti paesaggi per questo e anche il rapporo col fiume si è un po' affievolito. Ho riscoperto il Tevere in primavera, ho avuto la fortuna di viverlo più da vicino e devo dire che è stata una bellissima scoperta. Spero che in molti ci si riavvicinino :-)
Un abbraccio e aspetto il prossimo articolo ^^

JAJO ha detto...

Ciao "Uapa", in effetti è un po' che manco dal blog. Stavo preparando un paio di libri (uno proprio su Roma e le sue strade dei mestieri) ed ora che sono pronti... torno a casa :-D
Le cose che ho messo da parte, in attesa di poterle rielaborare e postare qui, sono tante e piano piano spero di poterti far scoprire cose nuove ;-)
Purtroppo la realizzazione dei muraglioni ha portato alla distruzione di tante bellezze che erano sulle sponde del fiume (il bellissimo porto di Ripetta su tutte) ma erano necessari per proteggere il centro della città dalle tante alluvioni del fiume.
Quello che mi dispiace di Roma è che non c'è più la ricerca del bello: non vengono più eretti monumenti o fontane, magari nelle nuove piazze della periferia, e, se questo accade, sono degli obrobri (vedi la statua di Giovanni Paolo II a Termini o diverse chiese "fantascientifiche" in cemento armato...).
Il Tevere andrebbe valorizzato e vissuto come una volta, quando chiamandolo semplicemente "Fiume", con la f maiuscola, era considerato un fratello, uno di famiglia, proprio perchè sulle sue acque si svolgevano tante attività che davano da vivere al popolo romano. Magari si potrebbe iniziare con il dare una pulitina al suo fondale...
Ciao e.... a presto (lo prometto :-D)

Uapa ha detto...

D'accordo su tutto!
Basta con queste grandi opere che non c'entrano un piffero con quello che c'è intorno e spesso vengono comprese solo dal proprio autore :-S la ricerca del bello... *.*
Aspetto anche i titoli dei libri eh! ;-)